Vuoi monitorare la web reputation? Inizia da qui!

monitorare la web reputation

Da bravi consulenti di web reputation a Torino (e in tutta Italia ormai), Lo abbiamo detto e diremo all’infinito: nell’era della user content generation sapere cosa si dice di te e della tua azienda è fondamentale. La prima cosa da fare è, quindi, controllare la reputazione online costantemente.

Le 3 w+1 per monitorare la web reputation

Why – Perché?

Le discussioni dei clienti giocano un ruolo molto importante nel processo di definizione del tuo brand tanto quanto i tuoi sforzi promozionali. L’86% delle persone esiterà a comprare prodotti o servizi da aziende che hanno recensioni negative online.

What – Cosa?

Non importa il tipo di tool che utilizzi per monitorare la web reputation, l’ascolto efficace della rete inizia con una ricerca delle domande solida e costante. Cosa cercare? Il nome del tuo brand, quello dei rappresentanti più conosciuti, quello di nickname legati a te e alla tua azienda e persino il nome scritto male.

 

Where – Dove?

Vuoi ascoltare quello che viene detto unicamente sui social media? Vuoi tracciare le menzioni sul tuo brand? I luoghi virtuali su cui puntare le tue ricerche sono: social network, stampa online, blog e forum.

How – Come?

Ci saranno sempre dei dati da smistare perché poco necessari ai fini del tuo monitoraggio. Per questo motivo dovrai fare una cernita attraverso dei filtri specifici.

  • Escludi tutti i brand a te omonimi dalla ricerca
  • Identifica i fattori ricorrenti e crea delle regole da seguire per eliminare i dati irrilevanti di volta in volta.
  • Crea dei filtri personalizzati per arrivare più velocemente ai risultati più interessanti.

Ecco il momento dell’azione

A questo punto hai raccolto una vasta quantità di informazioni sul tuo brand e sul modo in cui i tuoi clienti, e più in generale il pubblico, parla di te sul web. Come utilizzarli? Pensa soprattutto a questi 5 contesti chiave.

1. Per l’analisi della reputazione: con l’aiuto dell’analisi del sentiment, identifica i picchi sia per quanto riguarda le mention positive che negative.

2. Per il customer service: trova nuovi modi, e soprattutto più interessanti, per interagire con i tuoi clienti.

3. Per prevenire e gestire delle crisi: identifica con largo anticipo i segnali di una crisi e focalizza i tuoi sforzi sul giusto obiettivo per prevenire un’eventuale diffusione.

4. Per paragoni competitivi: confronta la presenza e la percezione del tuo brand rispetto ai principali competitor per confrontare le performance e identificare le best practice.

5. Per ottimizzare il prodotto: determina quali sono le caratteristiche del prodotto o dei tuoi servizi che i tuoi clienti amano o non sopportano.

Be the first to comment

Leave a Reply